Skip to main content

“La Piccola Bottega degli Attori” è la Compagnia Teatrale ufficiale del Laboratorio NovArteScenica. Siamo un gruppo di attori che si incontra presso le sale di NovArteScenica, chi come allievo della affiliata scuola di doppiaggio Sincrodub, chi come doppiatore per gli stessi Studi. Mettendo insieme i diversi talenti individuali e i diversi livelli di esperienza sul palcoscenico, nel 2023 iniziamo a lavorare per mettere in scena “Non è musica per vivi”, la nostra prima commedia musicale scritta e diretta da Stefano Cutaia. A seguito del grande successo di questo spettacolo, decidiamo di istituire un’Associazione vera e propria, costituendo una specifica sezione dedicata alle performance teatrali dal vivo di NovArteScenica, “La Piccola Bottega degli Attori” per l’appunto.

Dove ci (e vi) porterà la nostra creatività? Scopritelo insieme a noi!

MEMBRI DELLA COMPAGNIA

Stefano Cutaia

Segretario

Classe ’78, ma assolutamente senza classe, Stefano un giorno decide che la vita così come si presentava era troppo noiosa e si dà da fare per renderla movimentata; quindi prepara spettacoli teatrali mentre vende il pesce, e studia doppiaggio mentre consegna la posta. Il tutto alla ricerca dell’Arca perduta: il manufatto dorato che gli permetterà di contenere tutti insieme i suoi mille interessi, e la trova a Bologna, quando si trova a dirigere uno studio/scuola di doppiaggio e spazio polivalente a pochi passi dal centro della città turrita. Così tutto torna: ora finalmente la vita ha smesso di essere noiosa e lui si destreggia con gioia nella giocoleria degli impegni familiari e lavorativi, per spingersi là dove nessun ardito è mai giunto prima… o forse sì.

Francesca Consalvi

Presidente

Classe ’88, laureata in Scienze dell’Educazione, si finge Manager del mondo della Formazione e Risorse Umane, ma appena possibile entra in cabine telefoniche (o tombini) e si trasforma in attrice comica di teatro come nella vita. A 18 anni scopre la sua vocazione per il gioco della voce, dedicandosi quindi a doppiaggi, spot, letture emozionali e audiolibri. Così riesce ad assecondare la propria follia spacciandola per lavoro, dando voce alla bimba o alla strega che c’è in lei. Amante del genere fantasy (ha provato anche a scrivere qualcosa, ma per il bene altrui le sue opere sono ancora in un cassetto a prendere muffa fatata) e dell’Arte in genere, dalla danza al canto, fino ad arrivare alla dipendenza dai videogame, cartoni Disney e fumetti Marvel. Punto debole effetto Kryptonite: fatele vedere un animale e si scioglierà con occhi da gatto di Shrek!

Marco Musso

Vice Presidente

Deve la sua formazione artistica teatrale a Europa Teatri (Parma) e ad alcuni maestri come Elena Bucci, Danio Manfredini, Philippe Hottier, dei quali frequenta seminari e laboratori intensivi. Apprende poi l’arte e la tecnica del doppiaggio dal direttore di doppiaggio Mario Maldesi, e dai doppiatori e direttori di doppiaggio Donato Sbodio e Patrizia Salmoiraghi. Frequenta un corso intensivo di Dizione, fonetica e uso della voce, dallo speaker e giornalista Alberto Lori. Inizia la sua attività di attore, doppiatore e speaker nei primi anni del 2000: portando in scena vari spettacoli per bambini e adulti; prestando la voce a cartoni animati, serie tv, documentari, pubblicità, prodotti audio e audiovisivi di natura commerciale, istituzionale e didattica; eseguendo reading che spaziano dalla poesia, alla favola, al racconto breve; conducendo regolarmente corsi e laboratori sull’uso della voce e sulle tecniche basilari del doppiaggio. Attualmente collabora attivamente con Europa Teatri e UOT (Unione Organizzazione Teatrale) di Parma, e con alcuni studi di doppiaggio e registrazione di Torino, Milano, Bologna e Parma.

 

 

 

Susanna Regazzi

Classe ’93, anche se a scuola non amava stare in classe, infatti girava spesso per i corridoi immaginando storie, scrivendo canzoni e recitando le sue varie personalità infilandosi di nascosto nei laboratori e le cantine o i tetti. Come sia finita ad essere la coordinatrice musicale dello spettacolo è una storia lunga e misteriosa che sa solo chi c’era oltre alla quarantena dai mille occhi. Tra le varie cose insegna canto e psicosomatica, è counselor della voce e formatrice, attrice…. e insegnante di erbe spontanee commestibili in vista dell’imminente apocalisse. Pare che ogni anno si intrippi follemente con qualcosa di diverso, e a questo giro sembra che la mania sia presa per gli spettacoli e la recitazione. Chissà in futuro le sue schizofrenie dove la porteranno, la buonanima.

Rossana Obinu

Classe 2002, studia teatro e cinema al Dams di Bologna. Innamorata del palco sin da piccolissima, alla dolce età di 4 anni inizia a studiare danza classica in Sardegna e prosegue per 14 anni con vari stili (classico, contemporaneo, hip hop, tip tap), si uniscono il canto, la recitazione e il musical per 10 anni, partecipando a musical come “La bella e la bestia”, “Hairspray”, “Sister Act” e molti altri, sotto la regia di Christian Ginepro.  Al momento studia recitazione, canto e doppiaggio a Bologna. “L’amore per il palco è stato tale che ho preparato l’esame delle medie e delle superiori dietro alle quinte e mi sono infilata nelle compagnie teatrali amatoriali dovunque sia  stata, compreso in Tennessee, USA.”

Ludovica Barbagallo

Classe 2002, sin da piccola entra a fare parte del mondo dello spettacolo. All’età di cinque anni inizia con la danza classica per poi approdare alla danza moderna, latino americano, videodance e danza jazz. Al percorso tersicoreo affianca il percorso teatrale, dapprima con il teatro dialettale siciliano per poi arrivare al musical che capisce essere la sua grande passione. Studia recitazione e canto per sette anni, prendendo parte ai più disparati spettacoli come: “Grease”, “Anastasia il Musical”, “Piccole donne”, “Rapunzel”, “Mary Poppins” e molti altri. Diplomata al Liceo delle Scienze Umane di Acireale, si trasferisce a Bologna per studiare teatro e musica al DAMS. Nel 2023 consegue il Master di doppiaggio (I, II e III livello) presso la scuola Sincrodub. Il suo motto? “Se puoi sognarlo, puoi farlo”     – Walt Disney.

Francesco Bedeschi

Nato a Lugo il 31 dicembre del 2002 cresce e risiede a Imola. Durante il liceo si interessa alla musica e alla recitazione. Frequenta i corsi di sassofono jazz e di tecniche di base di composizione e arrangiamento presso la Nuova scuola di musica Vassura Baroncini.  Segue inoltre i corsi dell’associazione teatrale TILT dove lavora con registi quali Federico Caiazzo e Tanino de Rosa. Entra in alcuni progetti musicali come sassofonista e songwriter, fra i quali le band “Moonglasses”, “Enkita” e “Na komete”. Diplomato al liceo delle scienze umane Rambaldi Valeriani di Imola consegue il Master di Doppiaggio di I, II e III livello presso Sincrodub. Collabora con la cantante Lorenza Ricci e altri musicisti e insieme pubblicano il singolo “remember you”. Compone inoltre piccole colonne sonore per due spettacoli teatrali scritti e diretti da Federico Caiazzo. Ora frequenta i corsi alla Scuola di Teatro Colli di Bologna.  In questo tumulto di cose Francesco combatte costantemente contro la sua tendenza alla procrastinazione e alla distrazione.

Mariangela Salmi

Classe ‘90, bolognese doc, doppiatrice cinematografica. Si laurea in Lingue e letterature moderne e classiche, ma già da adolescente sente una forte propensione per tutto ciò che si può definire artistico e creativo: a scuola si diverte a comporre sonetti, cruciverba ironici per le più svariate occasioni, testi di canzoni. È tutto un gioco, col quale riesce ad evadere dal quotidiano. Nel 2018 inizia il percorso che la spingerà col tempo ad uscire dai binari dell’ordinario ai quali era da sempre stata abituata, scoprendo nella voce lo strumento ideale per esprimere se stessa. Adattatrice e dialoghista della pagina Sync City, nella quale riscrive in chiave parodistica i grandi cult del cinema. Nato come gioco per mantenere uno spazio di libertà e di creazione, tra adattamento e recitazione, il doppiaggio diventa una professione, e oggi la sua voce è su prodotti firmati Disney, Netflix e Amazon. Oggi, a 32 anni, come T.D. Lemon Novecento, ha deciso di scendere a terra, per vedere il mare.

Alice Nanni

Nata alla fine del ’93, cresce con la passione di “fare finta”, e data la sua maestria nel vendere ogni bugia per verità, viene iscritta a teatro per sfruttare al meglio questa sua “meravigliosa” abilità sin da piccina. Sogna l’oscar ed il red carpet ma essendo perennemente indecisa, la vita la spinge a cercare sfogo in altre forme d’arte. Così si improvvisa fotografa, graphic designer, scrittrice, artista digitale… Nulla però le dà tanta soddisfazione quanto vestire i panni di altre personalità e dato che il primo amore non si scorda mai, studia doppiaggio e si riprende il ruolo di attrice, bramando il palcoscenico e quel sipario tanto temuto quanto amato. Copione alla mano, tanto entusiasmo e quel perenne pizzico di indecisione, si getta in questa nuova avventura, ovunque essa la porti.